Presunto adolescente Twitter Hacker Graham Ivan Clark si dichiara non colpevole

I punti salienti:

  • Il diciassettenne hacker di Twitter Graham Ivan Clark ha dichiarato di non essere colpevole dei 30 capi d’accusa che i pubblici ministeri gli hanno rivolto contro.
  • Dopo l’arresto di venerdì 31 luglio, Clark rimane in prigione con una cauzione fissata a 750.000 dollari.
  • Le udienze si svolgono tramite uno strumento di videoconferenza online, che ha permesso agli hacker di interrompere una delle udienze trasmettendo immagini sessualmente esplicite
  • Se giudicato colpevole, Clark potrebbe trovarsi di fronte ad una sentenza completa, in quanto le leggi della Florida permettono in alcuni casi di perseguire i minori come adulti.

Un diciassettenne della Florida, Graham Ivan Clark, residente in Florida, è stato identificato come la persona dietro l’hacker di Twitter di luglio e la connessa truffa dei falsi Bitcoin giveaway.

Clark, che sta cercando di affrontare un processo per quasi 30 accuse connesse all’hack di Twitter, si è dichiarato non colpevole nell’udienza online di martedì.

Clark accusato di quasi 30 reati

Come riportato in precedenza, ha dirottato gli account Twitter di diverse celebrità, imprenditori e politici di spicco, tra cui Barrack Obama, Joe Biden, Michael Bloomberg, Elon Musk e Justin Sun, al fine di promuovere un falso giveaway, che prometteva di raddoppiare su qualsiasi Bitcoin BTC, 0,20% inviato al portafoglio dell’hacker.

Anche se l’hacker o gli hacker sono riusciti ad ottenere solo poco più di 100.000 dollari di BTC attraverso i falsi giveaway, Clark sta affrontando quasi 30 accuse, la maggior parte delle quali sono legate all’hacking di account Twitter di alto profilo. L’hacker adolescente è accusato di 17 capi d’accusa per frode nelle comunicazioni, 11 capi d’accusa per uso fraudolento di informazioni personali, un capo d’accusa per frode organizzata di oltre 5.000 dollari e un capo d’accusa per accesso a computer o dispositivi elettronici senza autorizzazione.

Audizione online interrotta da Pornografia

Clark è stato arrestato venerdì 31 luglio a Tampa e ha fatto la sua prima apparizione davanti al tribunale sabato 1 agosto, seguita da una breve udienza in tribunale martedì 4 agosto, quando si è dichiarato non colpevole di tutte le accuse e da un’altra udienza mercoledì 5 agosto. L’udienza di mercoledì, che come tutte le altre si è svolta tramite la piattaforma di conferenze online Zoom, è stata interrotta da immagini pornografiche trasmesse in videoconferenza da un attore ancora sconosciuto.

Clark rimane nella prigione della contea di Hillsborough con una cauzione fissata a 725.000 dollari, più di 5 volte l’importo di BTC, compensato dalla sua falsa truffa della Bitcoin giveaway.

Altri due uomini, Mason Sheppard, 19 anni, di Bognor Regis, Regno Unito, e Nima Fazeli, 22 anni, di Orlando, sono stati accusati separatamente in relazione al caso Twitter.

Clark potrebbe essere perseguito come un adulto

Sebbene il caso sia stato inizialmente indagato dall’FBI e dal Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti, il Procuratore di Stato di Hillsborough, Andrew Warren, vuole perseguire Clark in tribunale poiché la legge della Florida permette ai minori di essere accusati come adulti di frodi finanziarie in determinate circostanze. Warren ha preso nota:

„Questo imputato vive qui a Tampa, ha commesso il crimine qui, e sarà perseguito qui“.

Inoltre, Warren ha definito Clark il „leader della truffa dell’hacking“, indicando che il ragazzo adolescente è quello che si nascondeva dietro il soprannome „Kirk“. L’avvocato di Tampa David Weisbrod, che rappresenta Clark nel processo su Twitter, non ha fornito alcun commento sul caso.

Inoltre, Clark si è già trovato in conflitto con i procuratori statunitensi nell’agosto del 2019, quando si era accordato con il tribunale per far sequestrare senza processo 100 dei suoi 400 BTC senza processo per non aver fornito informazioni sull’origine dei fondi.